AOC respects your data privacy

Why cookies? Simply because they are used to help the website function, to improve your browser experience, to integrate with social media and to show relevant advertisements tailored to your interests. Click 'I accept' to accept cookies or read our cookie statement to learn how to turn off cookies.

Accept
Condividi questo articolo

Altruismo, amore e gentilezza: entra nello spirito delle Feste

Il periodo natalizio è arrivato e con esso questo speciale spirito delle Feste che ci fa ricordare l'importanza del dare piuttosto che prendere. Per questo vogliamo accendere i riflettori su storie speciali di altruismo, amore e gentilezza nella community videoludica ed entrare insieme nel clima natalizio.

Sebbene la loro reputazione sia piuttosto negativa, i videogiochi possono avere un effetto estremamente positivo sulla vita delle persone. Non solo i gesti virtuali di altruismo, amore e gentilezza possono risollevare lo spirito dei bisognosi, ma possono anche dare il buon esempio, ricordandoci come dovremmo comportarci sempre come giocatori e come esseri umani.

Amici generosi in World of Warcraft

Un articolo del New York Times ha riportato le storie di tre persone che, a Natale, si sono ritrovate a giocare World of Warcraft, il celebre MMORPG di Blizzard. Tutti e tre gli intervistati hanno amici nelle community online con i quali condividono una "seconda vita".

Uno di loro, Stefan Szalk, ha raccontato di aver dovuto superare molte difficoltà nella vita. Ebbene, a Natale, i suoi compagni di WoW lo hanno raggiunto online e hanno festeggiato insieme a lui, per non lasciarlo solo. Per Szalk, il sostegno e le attenzioni dei suoi amici online sono fonte di grande forza. A pensarci bene, non si tratta nemmeno di una grande impresa. A volte, sono i piccoli gesti a fare la differenza.


Storie come quella riportata dal BBC non sono una rarità. Molte persone si scambiano doni in questo periodo e persino i giocatori di fazioni opposte mettono da parte i loro rancori e festeggiano pacificamente insieme. Chiunque abbia giocato può ritrovarsi in storie di questo tipo avendole vissute in prima persona, almeno in parte.

Fate l'amore, non fate la guerra

La maggior parte degli sparatutto in prima persona (FPS) sono incentrati sull'uso della forza bruta per eliminare i nemici. Verdun, sparatutto ambientato nella Prima guerra mondiale, non fa eccezione. Ecco perché il DLC di Natale del 2016, "Christmas Truce", fu così sorprendente: invece di combattere una delle tante raccapriccianti battaglie di uno dei più sanguinosi conflitti nella storia dell'umanità, i giocatori dovevano rievocare lo storico Natale sul Fronte occidentale, quando i soldati degli opposti schieramenti cessarono il fuoco per festeggiare insieme.


In questo DLC, i giocatori possono giocare a calcio, lanciare palle di neve, scrivere cartoline di Natale ad amici e nemici o intonare canti natalizi. Per una volta, il gioco non consiste nel vincere una battaglia, ma semplicemente nel godersi la pace e l'armonia e passare il tempo con gli altri giocatori.

Questo DLC ebbe anche un piacevole effetto collaterale: oltre a rinsaldare i rapporti tra i membri della community di Verdun e commemorare questo straordinario evento storico, lo sviluppatore M2H e Black Mill Games donarono il ricavato delle vendite a War Child, un'organizzazione benefica che si prende cura dei bambini vittime delle guerre.

La gentilezza non è solo per il Natale

Anche se fa piacere scoprire storie di questo genere durante il periodo natalizio, tutti dovremmo ricordare che la gentilezza e l'altruismo non sono un'esclusiva delle Feste. In effetti, dovremmo imparare a vivere secondo questi principi, sempre.

Nel 2017, lo streamer di Counter-Strike, Adam "Loop" Bahriz, venne espulso da una partita dai suoi stessi compagni di squadra per via del suo modo di parlare. Loop non ha il pieno controllo della parola per via di una malattia degenerativa causata da una condizione chiamata neuropatia sensoriale e uditiva ereditaria (HSAN), il che rese questo episodio ancora più spiacevole.


Il modo in cui venne trattato scatenò la protesta della community di CS e, nel giro di poche ore, 5.000 persone si unirono al suo streaming, offrendo non solo supporto e parole gentili, ma anche centinaia di dollari. Con quei soldi, Loop riuscì a pagarsi un intervento chirurgico di cui aveva bisogno.

Diffondi gioia!

La morale di tutte queste storie è che la gentilezza non costa nulla e non richiede alcuno sforzo. Basta un po' di empatia per ottenere subito risultati sbalorditivi. Che tu voglia coltivare nuove amicizie o rendere edificante un incontro casuale in-game con uno sconosciuto, sta a te diffondere un po' di gioia, nel vero spirito delle Feste.

Condividi questo articolo